×

Disegni e plastici del “papà della Scala”. Piermarini in mostra a Palazzo Reale

Disegni e plastici del “papà della Scala”. Piermarini in mostra a Palazzo Reale

Mostra “Piermarini a Milano. I disegni di Foligno”
Fino al 28 luglio 2024
Palazzo Reale
Piazza Duomo, 12
Orari
Da martedì a domenica ore 10:00-19:30;
giovedì chiusura alle 22:30.
Ingresso libero
palazzorealemilano.it

 

Palazzo Reale di Milano omaggia Giuseppe Piermarini, uno dei maggiori architetti italiani del XVIII secolo, la cui impronta neoclassica si ammira negli edifici più rilevanti di Milano e della Lombardia. La mostra “Piermarini a Milano. I disegni di Foligno” è aperta al pubblico a ingresso libero grazie all’impegno di Comune di Milano – Cultura, Comune di Foligno, Palazzo Reale e Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno.

La mostra racconta l’evoluzione del grande architetto italiano, tra i maggiori esponenti del Neoclassicismo, attraverso una selezione di disegni provenienti dalla Biblioteca comunale di Foligno, dai primi studi romani alle grandi opere lombarde, con particolare attenzione a Milano e a Palazzo Reale. Sono esposti anche plastici architettonici da Palazzo Trinci a Foligno e maquettes dell’arco scenico della Scala e del teatro di corte di Palazzo Reale, in collaborazione con l’Archivio Storico Artistico del Teatro alla Scala.

Dopo i primi studi in scienze matematiche a Roma, Giuseppe Piermarini si dedicò all’architettura, formandosi sotto diversi maestri, fra i quali Luigi Vanvitelli, impegnato nella costruzione della Reggia di Caserta. I due vennero convocati a Milano dall’arciduca Ferdinando d’Asburgo-Lorena per la ristrutturazione del Palazzo Ducale, oggi Palazzo Reale. Piermarini assunse l’incarico e dimostrò il suo talento. Nominato nel 1770 “Imperial Regio Architetto” e Ispettore delle Fabbriche per tutta la Lombardia, rimase in carica fino all’arrivo delle truppe francesi nel 1796. In circa trent’anni, si dedicò al rinnovamento urbanistico di Milano e della Lombardia e formò una generazione di architetti come professore presso l’Accademia di Belle Arti di Brera.

Fra i suoi progetti a Milano, la ristrutturazione di Palazzo Reale, la costruzione di Palazzo Belgioioso e soprattutto del Teatro alla Scala; in Lombardia, la realizzazione della Villa Reale di Monza, dell’Accademia di Mantova e il rimodernamento dell’Università di Pavia.

La mostra ci permette di seguire le varie fasi della costruzione della personalità e dello stile dell’architetto marchigiano. Dagli anni della formazione con l’apprendistato romano e il soggiorno a Napoli alla sua attività di Regio Imperial Architetto presso gli Asburgo. Naturalmente in mostra c’è… molta Milano.

Qui Piermarini raggiunge il successo grazie alla progettazione di Palazzo Reale (allora Ducale) e dei palazzi dell’aristocrazia locale, come Palazzo Belgioioso e Palazzo Bigli. Attraverso i disegni esposti, potremo ammirare non solo Palazzo Reale nel suo assetto originario e i progetti per la Reggia di Monza, ma anche numerosi progetti nel territorio lombardo.

Particolare rilievo è stato riservato al Teatro alla Scala, con i plastici realizzati da Orazio Greco sotto la guida del prof. Paolo Portoghesi, recentemente scomparso. Una mostra #danonperdere per chi ama l’architettura, per chi ama l’arte, per chi ama Milano.

Share this content:

Commento all'articolo