×

Esplode il fenomeno FringeMi: spettacoli in tutti i quartieri

Esplode il fenomeno FringeMi: spettacoli in tutti i quartieri

FringeMi Festival
Rassegna di arti performative in spazi non convenzionali
Dal 31 maggio al 9 giugno 2024
A Baggio – Barona – Calvairate – Città Studi – Dergano – Fondazione AEM – Giambellino – Lorenteggio – Martesana – Nolo – Ortica – Parco Lambro – San Siro – Villapizzone
https://www.fringemi.com

 

Il FringeMi Festival, giunto alla sua sesta edizione, è un evento culturale che anima la città di Milano con una varietà di spettacoli e performance. Ideato e coordinato dall’associazione Bardha Mimòs, il festival si propone di portare l’arte e il teatro nei luoghi meno convenzionali, coinvolgendo il pubblico in una esperienza unica e coinvolgente.

Fringemi è un festival teatrale ispirato ai famosi festival Fringe, come quello di Edimburgo. Si tratta di un evento che celebra il teatro indipendente e sperimentale, offrendo una piattaforma per compagnie teatrali emergenti e artisti indipendenti di esibirsi e mostrare il loro lavoro.

Il festival include una vasta gamma di spettacoli con ingresso quasi sempre gratuito, che spaziano dal teatro tradizionale a performance più sperimentali e innovative: commedie, drammi, danza, monologhi, e altro.

Gli spettacoli si tengono in luoghi non convenzionali, come bar, caffè, spazi all’aperto, e altri ambienti insoliti, il che aggiunge un elemento unico e dinamico all’esperienza. Uno degli obiettivi della manifestazione è rendere il teatro accessibile a un pubblico più ampio.

Altra caratteristica è l’essere una vetrina importante per artisti e compagnie teatrali emergenti, permettendo loro di raggiungere un nuovo pubblico e ottenere visibilità. Non mancano veri e propri artisti di strada, i busker.

L’edizione 2024 si svolge in ben 13 quartieri di Milano, ognuno dei quali ospita una serie di eventi e spettacoli. Dai vicoli storici alle piazze moderne, dai cortili nascosti ai teatri di quartiere, il festival trasforma gli spazi urbani in palcoscenici vivaci e creativi. Oltre 200 eventi sono in programma, spaziando dalle arti performative al cinema, dalla musica alla danza, dalla letteratura alla fotografia.


Da non perdere

“Sogno di una Notte di Mezza Estate” al Parco Sempione: rivisitazione moderna del classico di Shakespeare, con attori emergenti e scenografie suggestive. Il parco diventa il bosco fatato dove si intrecciano amori e inganni.

“Riflessi Urbani” al Museo del Novecento: performance di danza contemporanea che esplora la relazione tra l’individuo e la città. I ballerini si muovono tra le opere d’arte, creando un dialogo visivo unico.

“Storie di Quartiere” al Teatro dell’Ortica: Monologhi e racconti di vita quotidiana, interpretati da attori locali. Un’occasione per scoprire le storie nascoste di Milano.

“Visioni Notturne” al Teatro Franco Parenti: spettacolo di teatro d’ombre che esplora il lato oscuro della metropoli. Le luci e le ombre si fondono in un’atmosfera suggestiva.

“Da Gaber a Gaber” nel quartiere Giambellino Lorenteggio: si pesca nel repertorio gaberiano per mostrarne l’attualità del messaggio.

“Steli” di Stalker Teatro al Parco Trotter l’8 giugno. Una sorta di gioco teatrale interattivo, con una originale costruzione scenica in cui è importante la partecipazione.

Come detto gli spettacoli sono quasi tutti a ingresso gratuito. Il programma è davvero molto ampio. Per date e per tutti i titoli siamo costretti a rimandarvi al sito ufficiale. Qui scoprirete che il Fringe Mi Festival non è so spettacolo: sono previsti anche workshop, mostre e incontri. 

 

Share this content:

Commento all'articolo