×

La raffinatezza e la malinconia dei Preraffaelliti. A Forlì

La raffinatezza e la malinconia dei Preraffaelliti. A Forlì

La grande mostra di questa primavera nel mirabile complesso dei Musei di san Domenico, a Forlì, sarà dedicata alla corrente artistica dei Preraffaelliti.

Dal 24 febbraio al 30 giugno 2024, la mostra “Preraffaelliti: Rinascimento Moderno presenterà circa 300 opere, tra dipinti, sculture, disegni, stampe, fotografie, mobili, ceramiche, opere in vetro e metallo, tessuti, medaglie, libri illustrati, manoscritti e gioielli. La mostra racconterà questa storia unica, accostando per la prima volta una sostanziale rappresentanza di modelli italiani, comprese opere di antichi maestri, alle opere britanniche. Saranno inoltre esposte opere di artisti italiani del tardo Ottocento ispirate ai precursori britannici, grazie ai generosi prestiti dai musei europei, specialmente italiani, inglesi e americani.

Ma chi erano i Preraffaelliti (la definizione significa “prima di Raffaello”, e deriva dal loro desiderio di tornare a uno stile artistico che ritenevano fosse presente prima che l’arte fosse influenzata dalle convenzioni del Rinascimento, in particolare da Raffaello appunto). Tra gli anni Quaranta dell’Ottocento e gli anni Venti del Novecento, l’arte storica italiana, dal Medioevo al Rinascimento, ha esercitato un profondo influsso sulla cultura visiva britannica. Il movimento artistico, nato nella metà dell’Ottocento in Inghilterra grazie agli artisti ribelli William Holman Hunt, John Everett Millais e Dante Gabriel Rossetti, aveva l’ambizione di rinnovare la pittura inglese, ritenuta in declino a causa delle regole eccessivamente formali imposte dalla Royal Academy.

“prima dei Raffaello”, e deriva dal loro desiderio di tornare a uno stile artistico che ritenevano fosse presente prima che l’arte fosse influenzata dalle convenzioni del Rinascimento italiano, in particolare dal pittore Raffaello Sanzio.

Il Preraffaellismo, che si intrecciò con movimenti decadenti e simbolisti senza una conclusione netta, non fu un ritorno reazionario agli stili passati, bensì un progetto visionario capace di conferire un carattere decisamente moderno alle opere. I Preraffaelliti attingevano a un’ampia gamma di influenze, ispirandosi all’arte gotica veneziana, a Cimabue, a Giotto, nonché a maestri del Rinascimento come Botticelli e Michelangelo, e rivolgendosi con entusiasmo all’arte veneziana del XVI secolo di Veronese e Tiziano.

La mostra si sviluppa in sezioni che esplorano il concetto di reinvenzione nelle sue varie sfaccettature. Potremo ammirare i capolavori degli artisti inglsi, ma anche le opere dei grandi dell’arte pittorica italiana che hanno ispirato il Preraffaellismo. In mostra ci saranno anche opere di artisti meno conosciuti al grande pubblico.
Un appuntamento #danonperdere !

 

Mostra PRERAFFAELLITI
Rinascimento moderno
320 opere di artisti italiani e internazionali
Dal 24 Febbraio al 30 Giugno 2024
Forlì, Musei San Domenico
www.mostremuseisandomenico.it

 

Share this content: