×

Elettronica, etnica e altro a Torino: c’è “Jazz is dead”

Elettronica, etnica e altro a Torino: c’è “Jazz is dead”

Festival musicale Jazz is Dead!
International Music Festival
Da venerdì 24 a domenica 26 maggio
Bunker – via Paganini, 0/200 – Torino
Cinema Massimo – via Giuseppe Verdi, 18 – Torino
Planetario
 via Osservatorio 30 Pino Torinese (TO)
jazzisdeadfestival.it

 

Il programma
venerdì 24 maggio, Bunker
10:30 Workshop con Luca Cavina
17:00 doors
17:30 Basta Now – Fanny Chiarello / Magaletti – Salogni / Chiara Colli talk
18:30 Massimo Silverio club
20:00 Moritz Von Oswald – palco esterno
21:30 William Basinski – palco esterno
23:00 Marta Salogni e Valentina Magaletti – palco esterno
00:00 Cobra club
01:15 Lena Willikens club
03:00 3Phaz club
04:00 Skip club

sabato 25 maggio, Bunker
13:30 Timpani laboratorio
16:00 doors
17:00 Cindy Pooch – palco esterno
18:30 Le cri du Caire – palco esterno
20:00 Dave Okumu & The  7 Generations – palco esterno
21:30 I hate my village – palco esterno
23:00 Aunty Rayzor club
00:00 DJ Haram club
01:30 Optimo (Espacio) club
03:30 DJ Storm club

domenica 26 maggio, Bunker
13:30 Timpani laboratorio
15:00 doors
15:45 Orchestra Pietra Tonale – teatro
17:00 Rob Mazurek & Gabriele Mitelli – palco esterno
18:30 Nu Jazz – palco esterno
20:00 Ruinszu – palco esterno
21:30 Daniela Pes – palco esterno
23:00 Godflesh club

 

Chi ama il Jazz e la buona musica in genere sa che a Torino c’è un appuntamento speciale. Quello con il festival Jazz is dead. Da venerdì 24 a domenica 26 maggio tre giorni di musica, arte e cultura al Centro culturale Bunker di Torino, con un festival che si presenta rinnovato e ricco di proposte per garantire un’esperienza coinvolgente e inclusiva per tutti i partecipanti.

L’ampia area a disposizione dei partecipanti accoglierà i concerti principali sul palco esterno, dotato di un impianto sonoro calibrato e una capienza aumentata per consentire al pubblico di godere appieno delle esibizioni. Alcuni live selezionati e i dj set della notte troveranno spazio all’interno del Bunker, trasformando questa cattedrale industriale in un luogo di incontro e celebrazione della musica.

Per accedere ai tre giorni di festival è possibile prenotare online i biglietti per venerdì 24 e sabato 25 maggio sul sito ufficiale di Jazz is Dead!, mentre le prenotazioni online per domenica 26 maggio sono esaurite, ma sarà comunque possibile accedere presentandosi direttamente all’ingresso. L’ingresso ai tre giorni del festival richiede un contributo di 10 euro al giorno, con la possibilità di prenotare un ingresso online ridotto per le persone in condizioni di fragilità economica. Si è scelto di non rendere prenotabili online tutti i posti, per garantire a tutti la possibilità di partecipare al festival, senza lasciare fuori nessuno.

Il programma del festival è stato pensato per offrire una varietà di generi musicali, con il venerdì dedicato al suono elettronico, minimale, sperimentale e ricercato, il sabato aperto alle contaminazioni internazionali e alle sonorità calde, e la domenica che parte dal jazz per esplodere nella potenza del suono più estremo. Oltre ai concerti, il festival propone una serie di eventi collaterali, come talk e laboratori, che arricchiranno l’esperienza dei partecipanti e favoriranno il confronto e lo scambio di idee.

La collaborazione con l’INFINI.TO Planetario di Torino conferma l’originalità del festival, che chiuderà la sua settima edizione con un epilogo unico, con un concerto di Gianluca Petrella per sonorizzare la volta celeste della cupola avveniristica del planetario. Questo evento speciale sottolinea la capacità di Jazz is Dead! di unire musica e spazio in un connubio artistico unico.

Inoltre, il festival offre spazio anche per il dibattito e la riflessione, con talk e laboratori che affrontano tematiche legate alla musica e alla cultura. Sabato 25 e domenica 26, il format di music-forum Timpani permetterà ai partecipanti di condividere e discutere le proprie esperienze musicali in un ambiente informale e inclusivo.

Infine, l’area chill del festival offrirà supporto e assistenza agli spettatori, con servizi dedicati alla prevenzione e alla riduzione dei rischi legati all’uso di alcol e altre sostanze psicotrope, garantendo un’esperienza sicura e confortevole per tutti i partecipanti.

 

Share this content:

Commento all'articolo