×

Torna il festival di Re Nudo! Alla Fabbrica del Vapore

Torna il festival di Re Nudo! Alla Fabbrica del Vapore

Festival “Le notti dell’undergorund”
organizzato dalla rivista Re Nudo
Dal 21 al 23 giugno 2024
Fabbrica dl Vapore
Via Procaccini, 4
https://renudo.org/

 

locandina-Re-Nudo-210x300 Torna il festival di Re Nudo! Alla Fabbrica del Vapore

Dire festival di Re Nudo per chi ha un po’ di annetti sulle spalle significa dire Parco Lambro, festival pop, musica dal vivo dei migliori rappresentanti del rock-pop italiano e non solo. Significa ricordare uno degli eventi principali della controcultura (come si chiamava allora) in Italia negli anni 70. Ora, dopo la rinascita della rivista Re Nudo ecco la rinascita del festival.

Sarà un festival tutto nuovo, studiato per celebrare il cinquantesimo anniversario dalla sua prima edizione nel capoluogo lombardo. Appuntamento il 21, 22 e 23 giugno 2024 presso la Fabbrica del Vapore.

Sarà una festa aperta alla cultura, un’esperienza che si snoderà fino alle prime luci dell’alba. Gli spazi della Fabbrica del Vapore ospiteranno una serie di performance ad opera di giovani artisti under 30 provenienti da tutto il mondo. Musica, video, street art, fotografia, letteratura, poesia, teatro e danza si fonderanno in un unico spettacolo che incanterà il pubblico.

Il tema dell’evento, “Il mondo che vuoi tu”, riflette l’essenza del Festival di Re Nudo: dare voce e spazio agli artisti emergenti, offrendo loro la possibilità di esprimere la propria visione del mondo e del futuro.

L’ingresso all’evento intitolato “Le notti dell’undergorund” sarà gratuito, invitando così tutti gli appassionati d’arte e cultura a partecipare alla celebrazione.

Parlando dell’importanza di questo ritorno a Milano, Luca Pollini, direttore del periodico culturale Re Nudo e patron del Festival, ha dichiarato: «Tornare a Milano dopo mezzo secolo è una sfida. L’obiettivo de Le Notti dell’Underground resta quello originale dei Festival di Re Nudo degli Anni Settanta: offrire un palcoscenico libero e aperto a chi ha qualcosa da esprimere. Non è un’operazione nostalgia, ma un’occasione per i tanti giovani artisti che rendono Milano, e non solo, un luogo in cui si continua a immaginare il futuro».

Il Festival di Re Nudo ha le sue radici nel lontano 1971, quando il giornalista e fotografo Carlo Silvestro, insieme alla compagna Silvia Fardella del Living Theater di New York, fondò una comune sperimentale a Terrasini, in provincia di Palermo. Questo luogo di sperimentazione, noto come Villa Fassini, divenne presto un punto di incontro per artisti, giornalisti, scrittori e poeti desiderosi di esplorare nuove vie creative. Il Festival si spostò in altre sedi per poi approdare in tre affollate, storiche edizioni al Parco Lambro, alla periferia est di Milano. Con una chiusura indecorosa fra polemiche, scontri e comunque grande musica.

Il festival nasce dall’energia di questo gruppo di artisti, che sogna di creare uno spazio alternativo per la musica e la cultura. Lo slogan “Facciamo che il tempo libero diventi tempo liberato” incarna lo spirito del festival, che va oltre la semplice esibizione artistica per abbracciare una dimensione più profonda di comunicazione e condivisione.

“Le notti dell’undergorund” promettono di essere un evento indimenticabile, un’occasione per celebrare l’arte indipendente e la creatività emergente.

Share this content:

Commento all'articolo