×

“4:48 Psychosis”, un inno alla vitalità della mente, al teatro Out-off

“4:48 Psychosis”, un inno alla vitalità della mente, al teatro Out-off

Spettacolo teatrale “4:48 Psychosis”
dal 3 al 5 maggio 2024,
Teatro Out-Off
via Mac Mahon 16, Milano
venerdì, sabato ore 19.30
domenica ore 16.00
Prenotazioni e Informazioni
0234532140 / biglietteriaoutoff@gmail.com
lunedì › venerdì ore 10.00 › 16.00
Intero: 20 euro – Under26: 14 euro – Over65: 10 euro
02 34532140
info@teatrooutoff.it
www.teatrooutoff.it
Psychosis-foto-3-199x300 "4:48 Psychosis", un inno alla vitalità della mente, al teatro Out-off

A venticinque anni dalla scomparsa di Sarah Kane, la provocatoria drammaturga britannica che ha lasciato un’impronta indelebile nel panorama teatrale contemporaneo, il Teatro Out-Off  propone uno spettacolo che celebra il valore della sua opera: “4:48 Psychosis“.

In scena dal 3 al 5 maggio 2024, “4:48 Psychosis” è l’ultimo testo scritto dalla Kane e tradotto in italiano da Barbara Nativi, vincitrice del Premio Ubu 2002 proprio per la traduzione e la messa in scena delle opere di Sarah Kane. Diretto da Valentina Calvani, lo spettacolo vede come protagonista Elena Arvigo, che porta in scena uno dei testi più intensi, controversi e intimi del teatro contemporaneo mondiale.

“4:48 Psychosis” sfida le convenzioni teatrali. La parola della Kane è un flusso di coscienza: 24 quadri senza indicazioni precise per la messa in scena, senza limiti temporali o psicologici. Il testo descrive un luogo senza confini, in cui le barriere tra realtà e immaginazione si confondono. Racconta la fragilità dell’amore, la ribellione all’ordine costituito, la perseveranza di fronte alla disperazione amorosa.

Questo spettacolo non è solo l’ultimo atto di una mente tormentata, ma una richiesta disperata di ascolto e di amore. “4:48 Psychosis” mette in luce la fragilità delle emozioni umane in una società spesso insensibile e anestetizzata. È un grido di speranza in un mondo che sembra aver dimenticato il significato della compassione e dell’umanità.

Secondo i responsabili l’allestimento di “4:48 Psychosis” non intende essere una rappresentazione della follia, ma un inno alla vita, nonostante la consapevolezza della sua fugacità. Cerca di riscoprire il senso di vitalità che alberga in ogni dolore, invitando il pubblico a riflettere sulla propria umanità e sulla necessità di coltivare la speranza.

Psychosis-foto-4-300x199 "4:48 Psychosis", un inno alla vitalità della mente, al teatro Out-off

Share this content:

Commento all'articolo