×

Al MA*GA di Gallarate le esplorazioni “elettroniche” di Davide Maria Coltro

Al MA*GA di Gallarate le esplorazioni “elettroniche” di Davide Maria Coltro

Mostra Davide Maria Coltro. Astrazione mediale
28 aprile – 1° settembre 2024
Museo MA*GA
via E. De Magri 1- Gallarate (VA)
martedì, mercoledì, giovedì e venerdì: ore 10.00 – 18.00
sabato e domenica: 11.00 – 19.00
Intero: €7,00; ridotto: €5,00
0331 706011
info@museomaga.it
www.museomaga.it

 

Dal 28 aprile al 1° settembre 2024, il Museo MA*GA di Gallarate (VA) sarà sede di una mostra personale dedicata a Davide Maria Coltro, pioniere e maestro della sperimentazione tecnologica. Intitolata “Astrazione Mediale”, l’esposizione presenterà le opere più recenti dell’artista veronese attraverso una serie di nuove installazioni. 

Coltro è un artista e ricercatore noto sia a livello nazionale che internazionale, con opere ospitate in numerose istituzioni prestigiose in tutto il mondo. La sua pratica artistica, caratterizzata da una profonda riflessione sulle nuove tecnologie, è stata riconosciuta e apprezzata a livello internazionale.

Le opere di Coltro si distinguono per l’utilizzo innovativo dei mezzi tecnologici e per la loro capacità di trasformare il linguaggio mediale in forme astratte e sintetiche. Attraverso un codice definito dall’artista stesso come “pittura oltre la materia“, Coltro esplora i rapporti tra i fondamenti della pittura elettronica, come bit e pixel, in un contesto contemporaneo.

La mostra offre un’analisi approfondita dell’arte astratta, situandosi in continuità con movimenti come l’Arte Concreta e la Pittura Analitica. Coltro affronta temi attuali come il dialogo tra arte e scienza, le nuove frontiere dei Visual Studies e il rapporto tra arte e spiritualità. Grazie alla sua conoscenza approfondita del mondo digitale, l’arte mediale di Coltro apre sorprendenti possibilità espressive, coinvolgendo anche la neuroestetica.

Il percorso espositivo comprende una serie di installazioni appositamente progettate per gli spazi del museo, in cui i Quadri Mediali di Coltro si caratterizzano per un flusso generativo astratto in continua evoluzione. Le sale del MA*GA diventano così un luogo di contemplazione silenziosa, invitando il pubblico a una dimensione meditativa e riflessiva.

Un elemento distintivo della mostra è la trasmissione delle opere di Coltro nei totem digitali di comunicazione cittadina a Gallarate, riproponendo il concetto di “Quadro civico” già presentato dall’artista a Shanghai nel 2006. Questa iniziativa integra l’arte nel tessuto urbano, offrendo una nuova esperienza estetica agli abitanti della città.

La mostra sarà arricchita da un programma educativo, incluso un workshop permanente in cui Coltro interagirà con il pubblico di tutte le età, esplorando il rapporto tra tecnologia e immaterialità digitale all’interno della sua opera.

 

 

Share this content:

Commento all'articolo