×

“A piedi nudi”, festival di danze in lingua spagnola. Alla Fabbrica del Vapore

“A piedi nudi”, festival di danze in lingua spagnola. Alla Fabbrica del Vapore

Festival A piedi nudi
lunedì 13 e martedì 14 maggio
Spazio Fattoria – Fabbrica del Vapore
Via Giulio Cesare Procaccini 4
Ingresso gratuito

 

Il 13 e 14 maggio presso lo Spazio Fattoria nella Fabbrica del Vapore si terrà la terza edizione di “A Piedi Nudi“, un festival multiculturale, artistico e formativo ideato da Interrogante Spettacolo con il supporto dell’Instituto Cervantes di Milano.

Perché “A Piedi Nudi”? Perché solo camminando a piedi nudi si può avere un vero contatto con la terra e la propria essenza. Questo festival rappresenta il culmine di un anno di attività di laboratori e formazione promossi da Interrogante Spettacolo, un’associazione no-profit con sede a Milano e origini all’Avana, Cuba. Le loro creazioni esplorano i legami tra contesto urbano, arte contemporanea e tradizioni dei paesi di lingua spagnola.

 

Interrogante-Spettacolo_1-300x200 "A piedi nudi", festival di danze in lingua spagnola. Alla Fabbrica del Vapore

Interrogante Spettacolo

 

La titolazione “A piedi nudi” trae ispirazione dal concetto che solo a piedi nudi possiamo connetterci direttamente con la terra e con la nostra essenza. Il festival rappresenta il culmine di un anno di laboratori e formazione promossi da Interrogante Spettacolo, un’associazione non-profit e compagnia internazionale di sperimentazione artistica nata a L’Avana (Cuba) e con sede operativa a Milano. Le creazioni di Interrogante Spettacolo esplorano i legami tra il contesto urbano, l’arte contemporanea e le diverse tradizioni dei paesi di lingua spagnola, offrendo esperienze sempre nuove ad artisti e pubblico.

Il tema dell’edizione 2024 del festival è “Gli avatar sociali” e si focalizza sulla costruzione dell’identità nell’era della comunicazione digitale. Si tratta di un’occasione per riflettere sulle modalità con cui i giovani affrontano l’autenticità nel mondo dei social media e sulla transizione tra il mondo digitale e quello reale. Attraverso l’elaborazione artistica, si mira a promuovere l’empatia e il dialogo emotivo, offrendo uno spazio per esplorare valori sociali complessi, soprattutto durante l’adolescenza.

Il festival è completamente gratuito e si rivolge a insegnanti, appassionati di arti performative, formatori, pedagogisti, famiglie, scuole e comunità locali. Durante le giornate del 13 e del 14 maggio, il pubblico avrà l’opportunità di partecipare attivamente al progetto di Interrogante Spettacolo.

La mattina del lunedì 13 maggio, si terranno laboratori di elaborazione artistica riservati agli studenti partecipanti, provenienti da scuole coinvolte nel progetto. I laboratori coinvolgeranno tre squadre di studenti, ciascuna composta da sette membri, pronti a sfidarsi attraverso musica, parole ed espressione del corpo.

Sempre il 13 maggio, nel pomeriggio, si svolgerà un Workshop per insegnanti, offrendo strumenti pratici dedicati all’educazione artistica. Martedì 14 maggio, il festival raggiungerà il suo apice con “ConcluArtes”, una performance artistica in lingua spagnola preparata appositamente per questa edizione. Il pubblico potrà assistere agli spettacoli messi in scena dai gruppi di lavoro, guidati da coach esperti.

Tra le presentazioni speciali del 14 maggio, vi sarà anche quella dedicata al risultato del corso PCTO (Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento), realizzato nel corso dell’anno da Interrogante Spettacolo in collaborazione con gli studenti del Liceo Civico Polo Scolastico Alessandro Manzoni di Milano.

L’edizione 2024 del festival mira a promuovere un dialogo culturale arricchente e riflessivo, favorendo la comprensione reciproca tra diverse comunità. È uno spazio di scambio e crescita per ragazzi, insegnanti e comunità, unendo lingua e creatività con uno sguardo critico sui cambiamenti sociali.

Il festival A PIEDI NUDI è sostenuto dall’Instituto Cervantes, dal Gruppo Consolare dell’America Latina e dei Caraibi nel Nord e dalla rete dei Licei Linguistici di Milano.

 

Share this content:

Commento all'articolo