×

Il Piccolo presenta il suo festival del teatro: due settimane di spettacoli da tutto il mondo

Il Piccolo presenta il suo festival del teatro: due settimane di spettacoli da tutto il mondo

Festival teatrale “Presente indicativo – Milano Porta Europa”
Dal 4 al 17 maggio 2024
Varie sedi
Biglietteria 02.21126116
Largo Greppi 1 – M2 Lanza

https://www.piccoloteatro.org/

 

Dal 4 al 19 maggio, il Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa ospiterà la seconda edizione di Presente Indicativo, festival internazionale di teatro che si propone di mettere in luce il ruolo di Milano quale “Milano Porta Europa” come recita il sottotitolo.

La città si trasformerà in un centro di eccellenza teatrale per due settimane, offrendo uno spazio privilegiato per una riflessione critica sul futuro dell’Europa stessa.

Il festival si propone di esplorare la complessità e la diversità dell’Europa contemporanea attraverso il teatro. Si celebrerarrno le radici profonde della tradizione teatrale, insieme alla sua capacità di adattarsi e dialogare con nuove influenze e prospettive provenienti da tutto il mondo.

Tra gli artisti presenti, si annoverano nomi di rilievo come Alexander Zeldin e Pascal Rambert, che porteranno la loro peculiare sensibilità drammaturgica proveniente dal Regno Unito e dalla Francia. Inoltre, si potranno apprezzare le visioni più innovative di registi come Łukasz Twarkowski dalla Polonia, Mariano Pensotti dall’Argentina e Marco Layera dal Cile. Saranno presenti anche opere che riflettono sulle sfide e le contraddizioni dell’Europa contemporanea, interpretate da artisti come Pablo Messiez, Marta Górnicka, Caroline Guiela Nguyen e Tiago Rodrigues.

Accanto a queste proposte internazionali, il festival offre anche una vetrina per il talento italiano, con artisti come Davide Carnevali, Marco D’Agostin, Fanny & Alexander, Filippo Andreatta e il collettivo Office for a Human Theatre. Le performance si svolgeranno sia nelle sale del Piccolo Teatro che in altri luoghi della città, trasformando Milano in un palcoscenico vivente e coinvolgente.

A contorno ci sarà un programma ricco di eventi collaterali, tra cui conversazioni con gli artisti, presentazioni di libri, proiezioni di film e percorsi teatralizzati attraverso la città.

I biglietti e gli abbonamenti per il festival sono già disponibili presso la biglietteria del Teatro Strehler, e online.

Gli spettacoli saranno sovratitolati in italiano e inglese per gli spettacoli in lingua originale.

IL FESTIVAL IN CIFRE
16 artiste e artisti della scena internazionale
16 spettacoli per 16 giorni
2 produzioni e 3 coproduzioni del Piccolo, di cui 2 internazionali
6 spettacoli in prima nazionale e 1 prima assoluta
8, Paesi rappresentati (Francia, Polonia, Portogallo, Spagna, ma anche Argentina, Cile, Regno Unito e Italia).
11 lingue (bielorusso, cinese, francese, inglese, lettone, polacco, portoghese, spagnolo, ucraino e vietnamita, oltre all’italiano)

GLI SPETTACOLI IN PROGRAMMA
Saigon | Caroline Guiela Nguyen
4-5 maggio | Teatro Strehler
Storie intime, di famiglia, di amore, di amicizia e di esilio, si intersecano, tra Francia e Vietnam, nel vortice della Storia.

First Love | Marco D’Agostin
4-5 maggio | Teatro Studio Melato
Tra ironia e nostalgia, tra danza e teatro, Marco D’Agostin racconta il suo primo, mai dimenticato amore: lo sci di fondo.

Durante | Pascal Rambert
4-5 maggio | Teatro Grassi
Nuove passioni ed esperienze aspettano gli attori e le attrici protagonisti di Prima nel secondo atto del trittico di Rambert.

Gli anni | Marco D’Agostin
4-5 maggio | Teatro Studio Melato
Tra danza e teatro, Marta Ciappina nel pluripremiato spettacolo di Marco D’Agostin, una riflessione sul tempo e la memoria.

Frankenstein | Filippo Andreatta/OHT
4-5 maggio | Assab One
Un mito in cui i paesaggi esteriori si confondono con quelli interiori, una rinascita mostruosa che crea un nuovo immaginario.

Avalanche | Marco D’Agostin
6-7 maggio | Teatro Studio Melato
Due esseri umani, all’alba di un nuovo pianeta. Una danza di sopravvivenza, prima (o dopo) che una valanga travolga tutto.

Entrelinhas | Tiago Rodrigues
7-8 maggio | Palazzina dei Bagni Misteriosi del Teatro Franco Parenti
Un monologo mai consegnato e una lettera scritta tra le righe di Sofocle: l’intreccio tra arte e finizione di Tiago Rodrigues.

La voluntad de creer | Pablo Messiez
8-9-10 maggio | Teatro Grassi
PRIMA NAZIONALE
Un dramma familiare che si risolve con la stessa equazione che rende possibile il teatro: voglio credere, quindi posso.

The Confessions | Alexander Zeldin
9-10-11 maggio | Teatro Strehler
PRIMA NAZIONALE
Ispirandosi alla madre, Alexander Zeldin racconta la vita, solo apparentemente ordinaria, di una donna tra il 1943 e il 2021.

Limited Edition | Davide Carnevali
10-11-12 maggio | Nosedo, Porto di Mare, Corvetto
PRIMA ASSOLUTA
Teatro, architettura e urbanistica in un progetto site-specific sui cambiamenti della periferia milanese, tra campagna e città.

La Obra | Mariano Pensotti
10-11-12 maggio | Teatro Studio Melato
PRIMA NAZIONALE
Mariano Pensotti dà vita a una travolgente commedia nella commedia che cerca, nel presente, le tracce della violenza del passato.

La Douleur | Patrice Chéreau
14 maggio | Teatro Grassi
L’omaggio del Piccolo, nel giorno in cui se ne celebra la fondazione, a uno dei registi che l’hanno reso grande: Patrice Chéreau.

La posibilidad de la ternura | Teatro La Re-Sentida
14-15 maggio | Teatro Studio Melato
PRIMA NAZIONALE
Teatro La Re-Sentida esplora le possibilità della tenerezza come pratica di resistenza alla cultura dell’aggressività.

Rohtko | Łukasz Twarkowski
16-17-18 maggio | Teatro Strehler
PRIMA NAZIONALE
Una storia vera che parla di arte falsa: tra teatro e cinema, la spettacolare opera di Łukasz Twarkowski arriva in Italia.

Mothers – A song for wartime | Marta Górnicka
18-19 maggio | Teatro Strehler
PRIMA NAZIONALE
Ventuno donne ucraine, bielorusse e polacche si riuniscono in un coro che invita alla rinascita e alla presa di responsabilità.

Nina | Fanny & Alexander
18-19 maggio | Teatro Grassi
Cantante, pianista e attivista per i diritti civili: Fanny & Alexander rende omaggio alla straordinaria vita di Nina Simone.

 

 

Share this content: